Casa Freccia

Sterilizzazione: perché

(a cura degli schiavi umani di Freccia)

Se il vostro animale non può usare un preservativo, sterilizzatelo!

  • Perchè viene enormemente diminuito il rischio di contrarre cancro alle ovaie, all'utero e alle mammelle per le femmine (le coniglie non hanno cicli di calori precisi come i cani, ma sono animali ad ovulazione indotta , quindi sono in estro continuo e l'alta produzione di estrogeni senza che avvengano gravidanze favorisce le neoplasie: una probabilità dell'80% dopo i 4 anni)

  • Perchè i conigli "neutralizzati" sono molto meno aggressivi, quindi è più probabile che riescano a convivere con altri conigli. Tendono a diventare sempre meno territoriali entro 6 mesi dall'intervento. E' quasi impossibile che conigli integri dello stesso sesso vadano d'accordo dopo i 4-5 mesi di età: anche se a voi sembrano tranquilli e amichevoli, non fidatevi troppo: i combattimenti possono iniziare all'improvviso, causando ferite davvero gravi (per le quali spesso è necessario un intervento con anestesia...)

  • Perchè i conigli maschi integri (ma spesso anche le femmine) marcano il loro territorio "spruzzando" l'urina, che ha un odore particolarmente pungente (proprio come succede ai gatti). I conigli "neutralizzati" imparano più facilmente ad usare una lettiera.

  • Perchè un animale con gli ormoni sempre in circolo senza che possa accoppiarsi *sempre* sta MALE!

    Avere dei piccoli? Siete sicuri? Non sono giocattoli, pensateci bene!
    Ecco alcune riflessioni sull'avere piccoli o meno.
    La sterilizzazione non altera la personalita' del vostro coniglio, ne' lo "blocca" ad uno stadio di maturazione caratteriale infantile: invece, il coniglio interagira' maggiormente con altri conigli, altri animali o con gli umani perche' non sara' sottoposto alla frustrazioni di vedere rifiutato il suo costante desiderio di accoppiarsi.
    Non pensate che sia una forzatura o una crudeltà. Se non possono accoppiarsi normalmente (cioè continuamente), i conigli non sono più felici per il fatto di essere ancora integri: non trasferite agli animali delle convinzioni e degli atteggiamenti prettamente umani. Negli animali l'istinto alla riproduzione è governato totalmente dagli ormoni, quindi non possono semplicemente "pensare ad altro". Un coniglio integro che non possa accoppiarsi non sta bene, sta MALE! E non serve farli accoppiare una sola volta, "così poi sono contenti", anzi, è ancora peggio!
    "Purtroppo la selezione artificiale degli animali domestici li ha già 'snaturati' rendendoli dipendenti da noi in mille modi diversi", dice il dott. Valentina Verga, veterinario, a proposito dei cani (ma il discorso vale per tutti gli animali!). "La sterilizzazione non costituisce certamente lo 'snaturamento' maggiore, tanto più se l'animale non ha mai partorito e quindi non ne ha il ricordo". "La sessualità degli animali è esclusivamente legata alla perpetuazione della specie", conferma un altro veterinario, Alessandro Marano. "La sterilizzazione e' l'unico modo efficace per limitare le nascite di cuccioli a cui non si riesce a dare un padrone. Si evitano così le migliaia di cani e gatti (e conigli, aggiungo io) abbandonati in strada e soprattutto non ci sarebbero così tante bestiole che vivono tutta la vita nei rifugi", conclude Valentina. (citato dal sito di GAIA)
    Se volete ulteriori informazioni, potete leggere cosa dicono su Vetcentric
    oppure cosa dice la dott. Susan Brown , una dei massimi esperti in conigli da affezione (in Italiano, sul sito Bunnies.it)

    Anche PETA consiglia la sterilizzazione!
    "Nella cagna è dimostrato che la sterilizzazione precoce previene i tumori mammari. Nel coniglio non ci sono ancora dati precisi. E' però dimostrata un'elevata presenza di tumori uterini e patologie dell'utero. La sterilizzazione con asportazione dell'utero sicuramente elimina il rischio di comparsa di questo grave tumore e previene le eventuali malattie di quest'organo." (dott.R. Granata, specializzato in animali esotici, da "Amici di casa", novembre 2001, pag. 77)

    La vostra coniglietta è già incinta? Ecco alcuni consigli per la gravidanza ed il parto e per lo svezzamento.

    Qui trovate brevi cenni di anatomia e patologie dell'apparato riproduttivo
    (rubriche a cura della ginecologa lapina Maya Silvana Drusilla)

    Sicurezza dell'intervento chirurgico
    Se effettuato con le giuste tecniche e con l'anestetico adatto (isofluorano) e correttamente dosato da un vet esperto *di conigli* , l'intervento non presenta rischi. Per questo è fondamentale un veterinario che tratti conigli ABITUALMENTE E NON SALTUARIAMENTE: se il vostro non è molto esperto, cercatene un altro! Un vet può essere eccezionale per cani e gatti, ma non pratico di conigli! La buona volontà a volte non basta, ci vogliono teoria, tecnica e pratica.
    Quando?
    I conigli appartenenti a razze piccole, come i nani, maturano sessualmente intorno ai 2 mesi e mezzo - 3 mesi, mentre le razze piu' grandi arrivano alla maturazione intorno ai 5-7 mesi. Indicativamente, il coniglio raggiunge la maturita' sessuale quando raggiunge l'80% delle suo peso-dimensione da adulto.
    Se la coniglietta non convive con un maschio, puo' essere sterilizzata intorno ai 4-5 mesi, altrimenti andra' separata dal compagno (se non e' gia' sterilizzato) e operata non appena il suo peso sara' stabilizzato sopra al chilo (per minimizzare i rischi dell'intervento). I maschi possono essere castrati non appena i testicoli scendono, a circa 14-15 settimane: se vivono soli si puo' aspettare fino a 4 mesi. Dopo i 6 anni di età, l'intervento diventa più rischioso: il coniglio dovrebbe prima sottoporsi a un'esame del sangue completo e a un check up sullo stato di salute generale.
    N.B.: I conigli "neutralizzati" NON dovrebbero entrare in contatto con altri integri per almeno 3 settimane dopo l'intervento: le femmine hanno ancora gli ormoni in circolo e possono attirare un maschio integro e un po' focoso, con il rischio di ferite e lacerazioni delle suture; i maschi castrati restano potenzialmente fertili per 2-3 settimane dopo l'intervento.
    Dopo l'intervento, controllate l'area suturata mattina e sera: la ferita potrebbe spurgare, anche se non è frequente: se notate segni di infezione, chiamate *subito* il vostro vet! Normalmente ai conigli viene iniettato un antibiotico durante l'intervento, ma e' molto importante anche una terapia analgesica. Mentre i maschi solitamente mangiano senza problemi dopo l'intervento, le femmine potrebbero decidere di non farlo. Molte preferiscono starsene tranquille e al caldo in un angolo sicuro - lasciate che lo scelgano e non disturbatele, ma se la mattina dopo rifiutano ancora il cibo, chiamate il vet (anche per i maschi ovviamente)!
    A volte le femmine dopo l'ovarioisterectomia "tirano" i punti: se questo capita, riportatela dal vet. Potrebbe essere necessario "fasciarla" con una benda elastica non troppo stretta - controllate che riesca a respirare normalmente e che non se la mangi!
    Sarebbe preferibile non mettere al vostro amico un "collare elisabettiano" dopo un'intervento chirurgico. Non riuscendo a mangiare i cecotrofi, potrebbe averne gravi conseguenze. Fatelo solo in caso di effettiva necessità, ma toglietelo spesso, almeno ogni ora per 20 minuti.
    Se proprio si dovesse strappare i punti anche con le fasciature migliori, tenetelo sotto controllo e ogni volta che cerca di mangiare i cecotrofi togliete il collare.

    LA STORIA DI ONYX (in Inglese):
    scoprite perché questo intervento potrebbe essere importante (ATTENZIONE : contiene immagini dell'intervento)