Casa Freccia

Come insegnare a noi conigli ad usare la lettiera

Insegnare al vostro coniglio ad usare una lettiera non è difficile: avrete notato che, anche se tenuti in gabbia, noi siamo molto puliti e scegliamo quasi sempre un angolo ben preciso per lasciare le nostre produzioni. Scegliete una contenitore piccolo (può andare bene anche un sottovaso per piante, di quelli rettangolari), riempitela di materiale assorbente (vedi più avanti) o di semplici fieno e paglia, depositate alcune "palline" del vostro amico e vedrete che nella maggior parte dei casi questo per noi è sufficiente! Quando il vostro coniglio sarà abituato, potrete sistemare una o più (meglio) lettiere nella/e stanza/e in cui gli è permesso circolare. Premiatelo quando le usa, ma non punitelo mai se non lo fa: gli insegnerete solo a temervi e a "farla" fuori di nascosto; se lo punite mentre lo mettete nella lettiera penserà che quella sia la punizione e la eviterà! Tenetelo d'occhio, almeno all'inizio (non mentre guardate la TV o leggete o fate la calza), finchè non sarete sicuri che usi le sue toilettes regolarmente. Ripulite eventuali "sgarri" con aceto bianco.
Per invogliarlo ad usare la lettiera, potete mettere all'interno una manciatina di fieno: a noi piace moltissimo mangiucchiare qualcosa mentre facciamo pipì!!!!
COME SCEGLIERE IL CONTENITORE
Un normale contenitore per lettiera per gatti va benissimo: non dovrà occupare troppo spazio nella gabbia(se il coniglio vive in gabbia) né essere troppo alto e rendere difficoltoso l'accesso, altrimenti non lo useremo; non dovrà però essere troppo basso, perché molto spesso...come dire...sbagliamo mira, sentendoci molto virtuosi con le zampe nel contenitore e il deretano totalmente fuori! In alcuni negozi si possono trovare i contenitori appositi per gabbie, triangolari, che occupano pochissimo spazio e piacciono molto a chi in gabbia passa tutto il suo tempo (ma perchè?). Se vi accorgete che la gabbia è troppo piccola per ospitare un qualsiasi contenitore...evidentemente è troppo piccola PER IL CONIGLIO!!
SCEGLIERE LA LETTIERA MIGLIORE

  • Le comuni sabbie per gatti (sepiolite) possono causare a noi conigli problemi oculari e respiratori, perché sono molto polverose.
  • Le sabbie agglomeranti per gatti (bentonite) possono esserci fatali, perché, se ingerite, formano masse compatte nell'intestino che non possono essere eliminate, se non con un intervento chirurgico (se si arriva in tempo).
  • I cristalli deodoranti di alcune sabbiette sono tossici.
  • Soprattutto fuggite come la peste le cosiddette "sabbie per roditori" o la segatura di cedro, magari profumate: con i vapori della nostra urina producono fenoli e diventano addirittura cancerogene!
    Noi vi consigliamo:
  • il tutolo di mais (click sulla foto per ingrandire): anche se non sono tutolo di maismolto assorbenti e non aiutano molto a controllare l'odore, se non altro non fanno male (a meno che il vostro coniglio non si strafoghi mangiandoli, perchè possono dare blocchi GI)
  • le palline di paglia pressata (tipo Gimborn) (click sulla foto per ingrandire): paglia pressata; possono essere riciclate nel compost; attenzione che il coniglio non ne mangi troppe...
  • le palline di scarti di legno(tipo Top Fresh della Witte Molen, o Cat's Best o Cubetto): hanno lo stesso aspetto di quelle di paglia pressata e funzionano allo stesso modo, anzi, secondo la nostra umana sono migliori perchè assorbono di più gli odori. E' meno probabile che vengano mangiate; possono essere riciclate nel compost. Attenzione: alcuni conigli (ma non tutti) possono soffrire di irritazione della congiuntiva o abrasioni ai piedoni se si trovano sempre in gabbia e sempre a contatto con questo tipo di lettiera.
  • le palline di carta riciclata (tipo Yesterday's News):carta riciclata ottime, leggere, assorbenti, difficilmente vengono mangiate in grandi quantità, possono essere riciclate nel compost e *pare* possano essere addirittura gettate nel wc (non in grandi quantità, penso)
  • pellets di segatura compressa (tipo Feline Pine): la componente fenolica tossica è annullata dal processo di lavorazione; sono economici e molto assorbenti.
  • corteccia di pioppo (tipo Silver Country bed o GentleTouch): non è facile da trovare: non e' molto assorbente, ma e' leggera, sicura se ingerita e può essere riciclata nel compost.
  • se non riuscite a trovare niente di tutto questo, usate pure paglia normale, fieno o segatura se siete sicuri che non sia di conifera (ma si appiccica al pelo e ai piedoni...vedete un po' voi).
  • Alcune persone usano strisce di carta di giornale coperte da uno strato di fieno, in modo che la carta non entri in contatto con le zampe. Sembra che funzioni, ma va cambiata molto spesso, perché la carta non assorbe gli odori e a noi non piace vivere in una tana sozza: l'odore attira i predatori!!
    POTENZIALI DIFFICOLTA'
  • Giovane età: un coniglietto sotto i 3 mesi è un po' immaturo per imparare ad usare esclusivamente la lettiera: cominciate ad abituarlo, ma se ci volesse qualche lezione in più, portate pazienza!
  • Patologie dell'apparato urinario: consultate un vet se il vostro coniglio non e' adolescente e modifica improvvisamente le sue abitudini.
  • Conigli non castrati/sterilizzati: in questo caso, dopo i 5-6 mesi perderanno probabilmente le buone abitudini imparate in precedenza: è probabile che il coniglio (sia maschio che femmina) marchi il territorio "spruzzando" in giro. Io, Me medesimo, Freccia, sono stato"neutralizzato" ad 1 anno e non ho mai fatto certe cose neanche prima, ma io sono un'eccezione, un Nobile fra i conigli! (sì, il Conte Tacchia - nota degli Umani)
  • Dormire nella lettiera: comune soprattutto fra chi sta sempre in gabbia: è morbida! Se il coniglio usa comunque la lettiera per i suoi bisognini, non preoccupatevi; altrimenti, forse non ha capito bene a cosa serva!Fornitegliene un'altra, così avrà sia il water sia un letto comodo.
  • Se il vostro coniglio insiste nell'usare un altro posto per i suoi bisognini...beh, a volte i compromessi sono necessari! Mettete una lettiera in quel punto!
  • "Palline" fuori dalla lettiera: è un comportamento molto frequente, un altro modo per segnare il territorio comune anche ai conigli "neutralizzati": le palline sono dure e si puliscono facilmente con un mini aspiratore o con uno scopino...oppure si possono...riciclare! Sono fra i migliori fertilizzanti biologici ed economici che potete trovare per le vostre piante verdi. Utilizzatele per coltivare erbe aromatiche o lattughino o rucola da offrire al coniglio: una catena di riciclaggio completa!
    Non usatene troppe, però, per le piante fiorite: essendo molto ricche di Azoto, faranno produrre tante foglie e pochi fiori.